Sardegna: tra le cascate di Martis ed il castello dei Doria a Chiaramonti

Appuntamento nell’entroterra della Sardegna, vicino a Sassari: Martis e Chiaramonti. Si respira il sapore dell’avventura. Sarà il paesaggio che vedi attorno, così diverso dall’idea del mare di Sardegna, ma per noi la
vacanza a Martis e Chiaramenti è stata avvventura, divertimento e relax! Ed ora ve lo raccontiamo!

Destinazione Martis: il Mulino e la cascata di Triulintas

L’atmosfera della Sardegna è qualcosa che ti esalta. La vegetazione ricca e colorata ti avvolge in questa destinazione a pochi km da Sassari, destinazione che abbiamo scelto per diversi motivi. Il primo è stata la possibilità di vivere la Sardegna nella sua quotidianità, lontano dal trambusto del mare e della spiaggia (che, comunque, apprezziamo 🙂 ), con temperature intorno ai 24-25°C, perfetta! In secondo luogo siamo sempre stati affascinati dalla natura e dalla scoperta degli antichi luoghi, dove i nostri avi sudavano e faticavano, ma anche dai maestosi castelli, dove i ricchi signori si divertivano e mostravano abiti sfavillanti. Infine, la possibilità di alternare il sano relax in spiaggia (tra castelli di sabbia e snorkeling) con un’immersione nella natura (tipo
isola del tesoro…con tanto di mappa con teschio!)

La cascata di Triulintas a Martis

Martis: il paradiso è qui!
Partendo da Sassari, a 42km di distanza, facendo attenzione ad un piccolo cartello sulla sinistra, imboccando una strada di campagna, si può comodamente lasciare la macchina in uno spazio abbastanza largo per due tre macchine.
Zainetto in spalla, borraccia pronta e grissini in mano, ci aspettano 550 metri di passeggiata.
Bastano un paio di scarpe da ginnastica o da trekking e qualche grissino per condire la passeggiata. Mentre percorriamo il percorso (fatto dai nostri avi a dorso di asinello per trasportare il grano!), si sente lo scorrere del fiume sotto di noi! Stupendo! Noi abbiamo anche avuto la fortuna di vedere una mantide religiosa che pranzava con una vespa!

Una mantide religiosa pranza

Qualche minuto ed ecco la cascata: stupenda! Ci sono anche delle bellissime piante di fico! Si intravedono anche le rovine del mulino. Abbiamo provato ad immaginare come la ruota del mulino venisse alimentata, forse incanalando
l’acqua…chissà!

Pausa pranzo presso la chiesa di S. Giusta

Chiesa di S. Giusta

A questo punto abbiamo fatto una rilassante pausa per il pranzo (non proprio leggero, grazie ai carissimi Roberta, Valerio e Carla, che pensavano fosse un pranzo di matrimonio 🙂 ) presso i tavoli all’aperto della chiesa di S. Giusta,
raggiungibile in una decina di minuti in macchina. La chiesa era chiusa, ma il posto è davvero affascinante.

Il castello dei Doria a Chiaramonti

Il castello di Chiaramonti

Nel pomeriggio abbiamo visitato il bellissimo paese di Chiaramonti, dove abbiamo ammirato prima stupendi murales e poi il castello dei Doria, sul colle di San Matteo. Si tratta di una breve passeggiata per un centro storico molto curato. C’era anche un bambino che si divertiva in bicicletta tra discese e salite: un grande! Ed ecco finalmente le rovine del castello: panorama mozzafiato e ricordi di un passato medioevale glorioso, decisamente
ricco di fascino, tra guerre, battaglie e lotte di potere. Tutto molto pulito, erba tagliata, avventura assicurata. Obbligatorio raccontare ai bambini una storia di guerre: mi raccomando!

Un murales a Chiaramonti

Rientrando, per non farci mancare alcunché, i bambini si sono divertiti nel parco giochi in piazza, davvero pulito e curato: complimenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *